Ordine Assistenti Sociali Umbria
img

Assistenti sociali; aggressioni: una professione sempre più a rischio

Dal sito del CNOAS

Roma, 11 ottobre 2017. Nel corso della propria esperienza professionale solo poco più di un assistente sociale su dieci (11,8%) non ha mai ricevuto minacce, intimidazioni o aggressioni verbali. Ben tre professionisti su venti (il 15,4% ) hanno subito una qualche forma di aggressione fisica; l’88,2% è stato oggetto di violenza verbale, mentre il 61%  ha assistito ad episodi di violenza verbale contro i colleghi. Ed ancora: l’11,2% ha subito danni a beni o proprietà addebitabili all’esercizio della professione; il 35,8% ha temuto per la propria incolumità o quella di un familiare a causa del lavoro.

Sono questi alcuni dei dati della ricerca “Conoscere per agire. Il fenomeno dell’aggressività nei confronti degli assistenti sociali” promossa dal Consiglio nazionale degli Assistenti Sociali, dalla Fondazione Nazionale Assistenti Sociali e che è stata condotta su un campione di oltre 20 mila professionisti, quasi la metà dei 42 mila assistenti sociali italiani e presentata oggi, 11 ottobre, presso la sede del Cnel. 

leggi tutto l'articolo e la rassegna stampa

ULTIME 5 NEWS INSERITE

04-10-2018
Convegno
OLTRE LA COMPETENZA, QUALI VIRTU? Una prospettiva deontologica per lo sviluppo di Buone Pratiche

12 NOVEMBRE 2018 ore 8.30 – 17.00 presso l'Auditorium PIME - MILANO.

26-09-2018
COMUNICAZIONE INIZIO LEZIONI CORSO DI FORMAZIONE DI PREPARAZIONE ALL' ESAME DI STATO SEZ.B e SEZ.A

Sez. B: Consulta il calendario degli incontro di formazione di ottobre - novembre 2018

Sez. A: Stiamo valutando la possibilità di organizzare lezioni di formazione. Vi invitiamo a visionare il nostro sito nei prossimi giorni.

17-09-2018
Convegno
Seminario sull'aggressività nei confronti degli assistenti sociali organizzato dal CROAS Umbria

25 ottobre 2018 - Centro Congressi Capitini Perugia
Programma disponibile

09-07-2018
Revisione codice deontologico: al via la consultazione

Il Consiglio Nazionale degli Assistenti Sociali chiede a tutti i colleghi di essere protagonisti attivi del percorso di revisione del codice deontologico partecipando attivamente con il proprio contributo. 

accesso area riservata cnoas cnoas